La via dei Libri

Recensioni letterarie di Gaia Tagliabue

Un uomo disponibile

Narrativa americana

Carta di identità:

TitoloUn uomo disponibile
AutoreHilma Wolitzer
GenereNarrativa americana
Casa editriceFeltrinelli
Anno2012
Prezzo€15,00

Tra le pagine:

Edward, uomo di mezza età, si trova ad affrontare la perdita della sua adorata Bee. Bee ha lasciato un vuoto incolmabile nella vita di Edward, che non riesce a trovare una ragione per vivere senza di lei. Ad aiutare Edward saranno i suoi figli, o meglio i figli di Bee, avuti col primo matrimonio. Un annuncio per cuori solitari gli cambierà le giornate e sarà costretto a tornare a vivere.

Angolo del pensiero:

Il titolo non rende giustizia al romanzo, a parer mio lo banalizza. In realtà è una storia di una tenerezza strabiliante. L’autrice riesce a descrivere con forte coinvolgimento gli stati d’animo e le sensazioni che prova una persona che ha perso la propria metà. Le prime pagine sono difficili da leggere. La tristezza e la solitudine hanno la meglio e in alcuni momenti mi hanno spinto a chiudere il libro. Perché, si sa, la morte fa paura. Però la curiosità di sapere in che modo si è rialzato Edward mi ha dato la forza e il coraggio di andare avanti.
Un romanzo che spinge a riflettere sul senso della vita e sul tempo che scorre. Un romanzo che parla dell’amore con l’A maiuscola. Un amore che non ha limiti di età.

Il peso specifico dell’amore

Carta di identità:

TitoloIl peso specifico dell’amore
AutoreGianluca Antoni
GenereRomanzo di formazione
Casa editriceItalic
Anno2012
Prezzo€18,00

Tra le pagine:

Nel secondo romanzo di Gianluca ritroviamo i personaggi di Cassonetti. I giovani universitari non sono più tanto giovani, ma alla soglia dei 40 anni. Protagonista è Peter, divorziato, con un lavoro che non ama e con un lutto ancora da superare.
Il romanzo, raccontato in prima persona da Peter, analizza diversi aspetti della vita e dell’anima, una sorta di analisi interiore del protagonista, che deve ritrovare sé stesso e deve saper accettare i propri limiti e difetti.

Angolo del pensiero:

Lo si deduce dal titolo: è una storia d’amore, ma non scontata e insipida. Ti travolge. E fino all’ultima pagina non riesci ad immaginare un finale. E’ un libro che sa divertire e commuovere, che riesce a trattare temi delicati, quali la morte, il suicidio, senza cadere nella banalità e allo stesso tempo senza risultare troppo pesante.
In questo secondo romanzo Gianluca Antoni è maturato ed è riuscito a catturare la mia attenzione, i dialoghi sono ben costruiti, come anche l’intera storia. Non annoia e non vedi l’ora di essere a casa per poter immergerti tra le pagine e le vicende di Peter.
Lo definirei una sorta di Giovane Holden all’italiana.